cover
ciliegia
Ciliegiometro
di questa Meraviglia
Meraviglia
Meraviglia  }  Area protetta

Parco Fluviale del Nera

Un ambiente indomito da scoprire attraverso sentieri sempre nuovi

Dov'è

Umbria

Via San Francesco, 52, 05031 Arrone TR, Italia (242m s.l.m.)

Indicazioni stradali
map

Cos'è e dov'è

Il Parco Fluviale del Nera si trova in Valnerina, uno dei territori più suggestivi e meno conosciuti dell’Umbria che deve il suo nome al fiume che scorre all’interno delle sue valli e delle sue profonde gole: il Nera. Il fiume nasce nel cuore dell’Appennino Umbro-marchigiano e si getta 116 chilometri dopo nel Tevere, con una furia e una potenza non comuni. Proprio questa particolare irruenza gli ha permesso nei millenni di modellare e scolpire un paesaggio così caratteristico che, nonostante conti un’elevata presenza umana, sembra in certi tratti selvaggio e disabitato.

Perché è speciale

Questa natura indomita è in realtà molto accogliente con l’uomo. Oltre alle vestigia del passato, come aree archeologiche, rocche e borghi, il Parco offre una ricca varietà di percorsi attraverso i quali esplorare l’ambiente divertendosi. Gli itinerari turistici sono i più agevoli, corti e adatti a tutti, come la veloce salita che in appena 45 minuti permette di conquistare il Monte di Arrone e godere della sua splendida vista partendo dal paese sottostante. Per i più allenati invece, non mancano percorsi avvincenti, come l’Anello del Monte Pennarossa, 7 chilometri per 4 ore circa di cammino.

Da non perdere

Il Parco è una tappa irrinunciabile per gli appassionati della bicicletta perché inserito da qualche anno nella «Greenway del Nera», un grande anello cicloturistico di 180 km circa che percorre in lungo e il largo la Valnerina, da Preci ai Prati di Stroncone. Ma anche altri sport vedono il Nera come protagonista. Via libera a canoa, torrentismo, rafting e Hydrospeed, oltre a un tratto del fiume adibito alla pesca «no-kill». Poco ma sicuro, non tornerete a casa senza portare con voi un po’ di nostalgia per questa terra che, nonostante il suo aspetto severo e temibile, accoglie e protegge l’uomo da secoli.

Un po' di storia

Un paesaggio così affascinante e particolare, che a prima vista potrebbe considerarsi poco abitato, è in realtà frequentato dall’uomo fin dall’antichità. In Valnerina c’era tutto quello che serviva: acqua, legname e posizioni elevate da dove dominare le valli. Rocche, castelli, monasteri e torri di guardia sono sparsi per tutto il territorio, esempio della ricchezza economica di cui questa terra godeva incurante dell’isolamento geografico.

Curiosità

Non solo avventura: qui si incontrano tradizioni culturali molto particolari. Il Parco ospita ad esempio il CeSCaV, Centro Studi delle Campane in Valnerina, incaricato di studiare e valorizzare una delle tradizioni più importanti della zona, quella dei Campanari. Il metodo «umbro» si svolge in cima al campanile, all’interno della cella campanaria, dove vengono eseguite melodie e manovrate le campane direttamente a mano. Vagando poi per i piccoli paesi del Parco, potrete avere ancora l’occasione di sentire il Saltarello, canzone popolare un tempo regina delle festività umbre e marchigiane, oggi diffusa in pochissimi territori.

3 persone hanno messo mi piace

+2

Condividi nella Community

Ciao, condividi foto ed emozioni su questa Meraviglia

La Mappa ringrazia:

Consigliato da
Exploring Umbria

Il Parco Fluviale del Nera regala esperienze ed emozioni all'interno di un territorio poco conosciuto, forse messo un po' in ombra dalla sfavillante fama della vicina Cascata delle Marmore, ma ricco di bellezze naturali, storiche e culturali.